Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Università:domani presidio studenti, no numero chiuso a Medicina

Università:domani presidio studenti, no numero chiuso a Medicina

E davanti gli ingressi di numerosi atenei italiani

ROMA, 12 aprile 2023, 14:50

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Domani gli studenti dell'Udu, l'Unione degli universitari, saranno davanti al ministero dell'Istruzione e, fino al 22 aprile, agli ingressi di diversi atenei italiani in occasione dei test di accesso a Medicina e Veterinaria. "Contestiamo il modello sbagliato dei numeri programmati nazionali e locali! Abbiamo scelto la data del 13 Aprile, data di inizio dei test di ingresso più rilevanti per impiego di risorse, numero di giovani impegnati e impatto sulla società: quest'anno in 80mila parteciperanno ai test d'accesso ai Corsi di studi in Medicina e chirurgia e in Veterinaria.
    Consideriamo l'attuale sistema di accesso alla conoscenza e alla formazione come lesivo del diritto di studio.
    L'unica motivazione per mantenere l'attuale sistema è quello di non investire nell'istruzione universitaria. Quest'anno contestiamo con ancora più forza l'irrazionalità di un sistema che si affida ai TOLC-Med e ai TOLC-Vet, determinando le graduatorie con criteri non predeterminati e conoscibili con chiarezza dai candidati.
    Come Udu e Rete degli Studenti Medi domandiamo che lo Stato stanzi adeguate risorse per superare, dopo quasi venticinque anni, l'impianto della Legge 264/1999. Crediamo che un'altra università, aperta e inclusiva, sia possibile", concludono.
    Domani il presidio sarà davanti al ministero dell'Istruzione e del Merito, in viale di Trastevere dalle ore 14.30.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza