Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Mafia: investì esponente di un clan rivale, fermato un uomo

Mafia: investì esponente di un clan rivale, fermato un uomo

Il ferito, lasciato esanime a terra, morì alcuni giorni dopo

POTENZA, 11 dicembre 2023, 11:01

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Fu un omicidio di mafia - ai danni di un presunto esponente di un clan rivale - l'investimento avvenuto la sera del 24 luglio scorso a Pignola (Potenza): è l'accusa con la quale oggi Polizia e Carabinieri hanno fermato un uomo, eseguendo un decreto di fermo emesso dalla Direzione distrettuale antimafia della Procura della Repubblica di Potenza.
    La vittima era a bordo di un ciclomotore: secondo l'accusa, l'investitore, alla guida di un'auto, lo tamponò "con premeditazione", spingendolo per circa 17 metri "fino a farlo cadere violentemente a terra, lasciandolo esanime e gravemente ferito, tanto da cagionargli la morte qualche giorno più tardi".
    Le indagini coordinate dalla Procura distrettuale potentina hanno portato ad acquisire "elementi sul movente del grave gesto delittuoso, da ricondurre a dinamiche di criminalità organizzata fra contrapposti gruppi operanti in provincia di Potenza". In particolare, la vittima apparteneva ad un clan di Pignola, "storicamente contrapposto" ad un clan di Potenza, "ai cui ambienti l'uomo fermato era era collegato".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza