Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

In Italia solo un consulente su cinque è donna

ANSAcom

In Italia solo un consulente su cinque è donna

ANSAcom

In collaborazione con Banca Widiba

Dati Banca Widiba-Unicatt, da lavoro consulenti più autostima

Milano, 29 novembre 2023, 19:36

ANSAcom

ANSACheck

Un momento dell 'evento - RIPRODUZIONE RISERVATA

Un momento dell 'evento - RIPRODUZIONE RISERVATA
Un momento dell 'evento - RIPRODUZIONE RISERVATA

ANSAcom - In collaborazione con Banca Widiba

In Italia solo un consulente su cinque è donna, pari al 22,3% del totale degli iscritti all’Albo dei consulenti finanziari. Un divario che si traduce anche in mancate opportunità sul piano dell’occupazione. Si tratta di uno dei punti di partenza che ha portato Banca Widiba a realizzare il progetto di ricerca nazionale ‘Donne e Denaro. La Consulenza finanziaria: analisi e opportunità di una professione contemporanea oltre gli stereotipi di genere’, che segue un primo studio presentato nel 2022 in collaborazione con l’Università Cattolica del Sacro Cuore.
La seconda fase della ricerca, presentata presso la sede di Banca Widiba a  Milano, è stata caratterizzata da una survey quantitativa, condotta in collaborazione con Ipsos, alla quale hanno partecipato 445 consulenti finanziari/e sul territorio nazionale iscritti/e all’Albo unico. Dallo studio è emerso come le donne abbiano tendenzialmente un titolo di studio più elevato rispetto agli uomini, sono infatti il 40% le laureate, rispetto al 36% dei colleghi uomini, e le donne hanno una specializzazione post-laurea per il 12% rispetto al 4,9% degli uomini. La professione di consulente non è inoltre sempre valutata durante il percorso formativo e personale, solo il 44% ha dichiarato di averla presa in considerazione prima di intraprenderla. In generale, gli uomini entrano più facilmente in contatto con la consulenza finanziaria tramite le reti informali (passaparola, amici e parenti) che sono ancora il principale nodo di accesso alla professione, il 50% contro il 31,7% delle donne. 

“Di fatto per le donne in questa professione i timori legati alla gestione del tempo e dell’incertezza dell’attività autonoma sono all’atto pratico sovrastati da notevoli vantaggi in termini di autostima, autonomia, senso della vita e appartenenza”, commenta Claudia Manzi, ordinaria di Psicologia sociale all’Università Cattolica del Sacro Cuore e responsabile scientifico del progetto.  “Le pari opportunità non sono più soltanto un tema sociale, ma rappresentano una sfida di natura economica e occupazionale in tutti i settori”, dichiara Francesca Marchelli, direttrice della comunicazione di Banca Widiba.  

Dall’indagine, è emerso inoltre che le donne che svolgono questa professione, più dei loro colleghi uomini, sviluppano un elevato livello di autostima (oltre il 70% delle intervistate), di autonomia (oltre il 90%), di vicinanza con le altre persone (oltre il 95%) e sono soddisfatte della loro professione, che ritengono dia un senso più ampio alla loro vita (oltre l’85%). Un ulteriore dato positivo riguarda la percezione dell’ambiente professionale è che le consulenti finanziarie si sentono supportate dalle banche con cui lavorano (86,1%), un fattore che indica il consolidamento di una cultura a sostegno del lavoro delle donne in questo settore. Inoltre, la condizione di benessere tra i Consulenti finanziari, sia uomini sia donne, è risultato elevato, con un alto grado di soddisfazione complessiva nella vita professionale e familiare (8,20 in media su 10) e una propensione a cambiare lavoro molto bassa (1,53 su 5). Da evidenziare che le donne che vengono più supportate dalla banca sono quelle che riportano livelli più elevati di benessere.

VAI AL SITO WEB

ANSAcom - In collaborazione con Banca Widiba

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza